martedì 17 novembre 2009

PostHeaderIcon Tyrsek, la bussola del cielo VII


Ecco a voi un nuovo episodio del mio raccontino fantascientifico :)
E anche abbastanza lungo per compensare il precedente ^^
P.s.: per l'aspetto della Sam-rjah ho leggermente preso spunto da un personaggio di World of Warcraft, che potete vedere qui.
P.p.s.: ho aggiornato i sondaggi con i miei nuovi lavori, se volete votate nuovamente.


“Elynar, tu sei un Luminare, giusto?” il Veggente misurava a grandi passi la stanza, i tonfi della sua silenziosa marcia coperti dal fischiare delle macchine.
“Rinnegato, ma pur sempre un Luminare.” Affermò l’altro, annuendo.
“Bene” rispose il Veggente. Si teneva il mento con la mano, il cappuccio calato che lasciava scoperti i suoi capelli castani. “Dobbiamo trovare un modo -uno scudo, qualsiasi cosa- per bloccare il potere della Sam-rjah. Se Kendra riesce a liberarla, non sarà capace di controllarla a lungo.”
“Di quel che si dice in giro è una Sacerdotessa con grandi doti.” Disse Elynar, osservando di sottecchi il Veggente.
“Sì, ma lo stesso non all’altezza di un demone. Hai qualche idea?” L’uomo si fermò, aspettando che il Luminare reietto parlasse. Passò qualche minuto, in cui Elynar trafficò con i monitor che circondavano la sua postazione. Poi disse: “Si potrebbe creare un campo elettromagnetico attorno alla Sam-rjah. Però in tal caso dovrà essere liberata in questa stanza, e il rituale che la evocherà dovrà essere effettuato a scudo attivo.”
“Questo significa che Kendra si troverà all’interno…” constatò il Veggente.
“E dovrà rimanerci finché non troveremo un accordo. Anche se non credo che il demone le darà una buona accoglienza.”

La donna rovistava spasmodicamente negli armadi, usciva libri dalle teche per poi gettarli a terra. “Maledizione!” Imprecò. Non era facile trovare ciò che cercava, e per di più il Veggente le aveva dato solo mezz’ora di tempo. Finalmente, sullo scaffale più alto di una libreria logora, vide la pergamena che le serviva. Era un manoscritto piuttosto rovinato, che doveva avere molti anni, come tutti i libri di magia del resto. Nella scrittura fitta c’erano tutte le istruzioni necessarie per sciogliere i sortilegi che potevano relegare un demone in un corpo inanimato.
Kendra estrasse delle candele nere da un armadio, mentre da un altro prese una sorta di tovaglia quadrata di feltro, con inciso sopra un pentacolo. Ordinò su un tavolino tutta l’attrezzatura che le serviva, comprese alcune boccette contenenti polveri colorate. Fu quando stava per predisporre tutto al centro della stanza che il Veggente entrò, senza bussare.
“Prendi le tue cose, farai il rituale nel laboratorio di Elynar.” Disse con voce impassibile.
“Perché?” chiese la donna, rimanendo immobile, le cinque candele strette fra le braccia. “C’è un modo per limitare il potere della Sam-rjah senza che tu sprechi i tuoi poteri, però per farlo abbiamo bisogno delle macchine nell’altra stanza. Seguimi ” e detto questo il Veggente prese alcuni oggetti per aiutarla e si diresse da dove era entrato. Kendra gli venne dietro senza protestare: abbandonare il suo antro mistico era poca cosa contro l’ira demoniaca che avrebbe affrontato. Un aiuto in più non poteva nuocere.
Preparò l’occorrente a terra, nel luogo che il Luminare le indicava. Stese il panno con il pentacolo, la rosa al centro di esso, e a ogni punta della stella accese una candela. Le piccole volute di fumo vennero immediatamente circoncise all’interno, e formavano quasi un muro di vapore circolare attorno al drappo. Dopodiché chiese al giovane se poteva iniziare, ricevendo un limitato cenno di assenso. Contemporaneamente prese a percepire una forza estranea sempre crescente, e si accorse dell’ulteriore barriera adamantina che si era creata fra lei e il resto della stanza. La associò come lo scudo di cui aveva parlato il Veggente, e senza soffermarcisi troppo riprese il rituale. Sussurrava parole incomprensibili, e il fumo delle candele si muoveva alterno con esse. Una polvere vermiglia con dei granelli color onice fu sparsa in cerchio, poi Kendra chiuse gli occhi, le mani congiunte. Si poteva dire un rito di magia nera, tanto la donna somigliava sempre più a una strega, i tratti del volto tesi, le labbra rosse come un bocciolo di fiore stese in un ghigno. L’aria all’interno della barriera era densa, e danzava macabra al ritmo della voce della Sacerdotessa. La polvere si trasmutò in un serpente dagli occhi di sangue, fari struggenti nella notte. La serpe si avvolse su sé stessa, si strinse con spasimi e scatti angosciosi, vibrava in attesa del colpo mortale che di lì a poco sembrava avrebbe scoccato. Invece si limitò a continuare a volteggiare nell’aria, sibilando il suo odio. Con cerchi concentrici cominciò a misurare lo spazio delimitato dai ceri, spostandosi sempre più in alto e creando con il suo corpo oscuro e senza fine una colonna impenetrabile avvolta dal vapore, togliendo la rosa dalla vista.
Il tempo parve fermarsi, non si riusciva a scorgere nulla con anche una sola parvenza di movimento. Poi, all’improvviso, il serpente si dissolse e le candele si spensero, lasciando al suo posto una creatura orripilante. La rosa giaceva avvizzita ai suoi piedi, così deturpata e secca che si sarebbe trasformata in polvere anche al tocco di una bambina innocente. Benché avesse svolto il rituale seduta sul pavimento, Kendra si accasciò un attimo, con un respiro forte e affannato che le squassava il petto. Alla vista della Sam-rjah, però, si riprese subito, e senza recuperare gli occorrenti dei rituali si scagliò contro la barriera, con in mente l’unico pensiero di allontanarsi da lì il più presto possibile. Grande fu la sorpresa quando le sue mani toccarono un muro evanescente, ma invalicabile. Il Veggente sorrideva leggermente, e Kendra comprese. Era in trappola.
La mostruosità del demone, ancora confuso, contrastava con la bellezza inconcepibile del suo corpo, che richiamava le sembianze di una donna. Gli arti lunghi, con mani e piedi artigliati; il corpo sinuoso, gli occhi completamente bianchi tanto da non poter distinguere dove si dirigeva il suo sguardo. Un paio di ali diafane da pipistrello erano chiuse sulle spalle ossute. Il volto della Sam-rjah incontrò la paura impressa in quello di Kendra, che picchiettava invano sulla barriera. La donna ebbe un momento di dolore acuto, e fu prossima a cadere in terra, ma qualcosa la trattenne. Eresse a sua volta uno scudo protettivo prima che fosse troppo tardi, e così si accucciò lontano dal demone. Era stata liberata da poco, ma la Sam-rjah aveva già tentato di rimediare un po’ di sangue per il suo corpo provato da secoli di astinenza. Il suo respiro era colmo di collera repressa, usciva in rantoli raspanti come il fiato di un drago di dimensioni immani, e Kendra non si sarebbe stupita se avesse visto delle fiamme uscirle dalle narici.
La donna si era indebolita, un po’ per il rito complesso, ma anche per l’attacco a sorpresa. Abbassò per riflesso lo sguardo sul suo petto, lì dove una sottile catenina reggeva una collana dalla forma di un serpente alato dalle fauci spalancate, e che tratteneva fra le sue spire una boccetta colma di un liquido rosso. Da che ne aveva memoria, l’aveva sempre portata al collo, ma la fiala l’aveva riempita lei stessa pochi anni prima. Subito si accorse che adesso era piena solo per metà, e inveì pensando che se non fosse stata così pronta di riflessi ora ne sarebbero rimaste solo poche gocce. Quella collana era ciò che di più importante possedeva, e non poteva permettere che un insulso demone succhiasangue la rovinasse. Indusse uno sguardo eloquente al Veggente, mentre dalle mani si diramavano piccoli fulmini a protezione della Sacerdotessa.
Il demone intanto aveva raccolto la rosa da terra, e ora stringeva in pugno le sue ultime polveri. Sorrideva compiaciuto, scoprendo lunghe fauci immacolate. “Sam-rjah, ascoltami.” Proruppe all’improvviso il Veggente, mantenendo il suo solito tono che difficilmente ammetteva repliche. “Abbiamo bisogno del tuo aiuto.” soggiunse. “I tuoi poteri adesso sono relegati allo scudo magnetico, ma se ci darai la tua parola d’onore rifocilleremo il tuo organismo con tutto il sangue che vorrai. Ci sono persone, al mondo, che abbiamo bisogno di eliminare senza lasciarci scoprire, e in questo la tua razza è forse la migliore, e l’unica. Se rifiuti, manderemo delle scariche elettriche all’interno dello scudo che ti uccideranno all’istante, o peggio ti rilegheremo in un altro oggetto a patire nuovamente la fame. Non hai bisogno di sapere altro, credo.”
Il demone osservava piuttosto tranquillo la stanza e le due figure oltre la barriera. I visi del Veggente e di Elynar erano rischiarati da lievi bagliori azzurrini. La Sam-rjah, immobile, sembrava ponderare la questione. Sebbene la sua razza fosse relegata in un pianeta lontano e isolato quasi da tutti gli altri, non era raro che venissero assoldati come mercenari: i loro omicidi non lasciavano tracce, di alcun genere. Inoltre il demone non poteva permettersi ulteriori riflessioni, aveva fame, una fame accecante che solo la rosa aveva potuto mantenere in vita per tutto questo tempo, oltre ogni aspettativa. Una Sam-rjah può essere uccisa solo dalla denutrizione o dall’elettricità, perché c’erano alcune sostanze nella dura corteccia della loro pelle che reagivano male alle scariche, e lasciavano deflagrare il fenomeno a una velocità esorbitante. Dopodiché erano immortali, il che le rendeva ancora più pericolose.
“E sia.” Risuonò una voce nell’aria. Le labbra del demone non si erano mosse, ma le parole erano risuonate tutte attorno e sembravano ancora rimbombare nelle menti dei tre umani. Era una voce soave, quasi malefica, che strascinava le lettere esse e produceva un eco breve ma assordante. “Portatemi il cibo.” aggiunse poi, passandosi la lingua biforcuta sulle labbra carnose.

8 commenti:

Crystal ha detto...

Un pò diabolico questo Veggente, eh? Povera Kendra...
Comunque, brava brava ^^
Ora va meglio, non reistevo più, volevo sapere come andava a finire
Anche se non è finita per niente XD
A quando l'otto?
Scherzo!! XDXDXD

Cesare ha detto...

Carino! Mi sta cominciando a piacere... Solo una cosa: potevi giocare meglio su quella descrizione delle debolezze della Sam-rjah (per esempio farla dire al veggente o qualcos'altro)... Mi ha frenato un po'.
Veloce a spiegare un po' di cose altrimenti i personaggi perdono spessore! Sono cattivi o buoni? Chi devono uccidere? Troppa suspense fa male...
Molto bello comunque ^-^
Cesare

Frankie P. ha detto...

Sto lasciando andare la cosa un po' per le lunghe perchè in verità non so proprio come far procedere il racconto. So per certo che i personaggi sono ***, ma poi il resto è ancora tutto da delineare.
Inoltre anch'io ho notato che scrivendolo così a puntate manca qualcosa... forse proprio il fatto che oltre agli eventi non c'è nessuna trama di base per adesso.

Cesare ha detto...

Già, probabilmente... È come se mancasse un filo conduttore... Comunque ti puoi ancora riprendere! ;)

Vincent ha detto...

questo capitolo non mi è piaciuto molto, lo trovato noioso, sarrà che mi aspettavo un combattimento con il demone, non mi aspettavo che la sam-rjah si arrendesse così facilmente

Frankie P. ha detto...

La Sam-rjah non si è arresa, è stato una sorta di patto che ha accettato pur di avere qualche possibilità di nutrirsi. Non credo che ti piacerà allora anche il continuo, perchè non sono previsti combattimenti corpo a corpo... si tratta più che altro di un racconto basato sulla strategia delle singole azioni dei personaggi, come le pedine degli scacchi: calma, riflessione, missioni... ma niente guerra intesa nel vero senso della parola.

Cry ha detto...

Quando arriva l'otto? Avevi detto a fine settimana ma oggi è domenica e non c'è.
Spero che arrivi per domani o sei fritta, sappilo

Fran ha detto...

A me, me piace! Così come dice gigi proietti nella pubblicità! :D
A parte gli scherzi... mi piace davvero! Altrimenti non ne avrei letti tre di fila...
Comincio ad appassionarmi...
e poi a me piace questo loro modo di fare ponderato... senza scene alla mortal combact! :P
Unico consiglio: "La donna rovistava spasmodicamente negli armadi, USCIVA libri dalle teche per poi gettarli a terra."
pittosto che usciva io utilizzerei qualcos'altro... non so... afferrava, agguantava... usciva non mi piace come suona... Poi l'ultima parola spetta sempre a te... io mi limito a consigliare ;)

Posta un commento

Lettori fissi

Sto leggendo...

Più riguardo a La diciassettesima luna

La mia Libreria

  • Cronache del Mondo Emerso
  • Le Guerre del Mondo Emerso
  • Leggende del Mondo Emerso
  • Le Creature del Mondo Emerso
  • Guerre del Mondo Emerso - Guerrieri e Creature
  • Wojny Świata Wynurzonego - Sekta Zabójców
  • I Regni di Nashira
  • Favole degli Dei
  • High Voltage Tattoo
  • The Tattoo Chronicles
  • Encyclopedia Gothica
  • White: A Decade
  • Arlene's Heart
  • Favole
  • Misty Circus
  • Graceling
  • Fire
  • Fallen
  • Torment
  • Passion
  • Rapture
  • Fallen in Love
  • Il Bacio dell'Angelo Caduto
  • My Land
  • La Sedicesima Luna
  • La Diciassettesima Luna
  • La Corsa delle Onde
  • I Lupi di Mercy Falls
  • La Saga del Lupo
  • Esbat
  • La Profezia delle Inseparabili
  • Black Friars
  • Il Sangue di Faun
  • Gli Eroi del Crepuscolo
  • La Strada che Scende nell'Ombra
  • La Leggenda di Earthsea
  • La trilogia di Sevenwaters
  • Il Ciclo dell'Eredità
  • Harry Potter
  • Queste Oscure Materie
  • Alice nel Paese della Vaporità
  • Il Signore degli Anelli
  • Il Silenzio di Lenth
  • Il Risveglio delle Tenebre
  • La Guerra Degli Elfi
  • Artemis Fowl
  • I Guardiani della Notte
  • La Scacchiera Nera
  • L'Ombra Del Guerriero
  • Il Ciclo di Shannara
  • Cronache del Ghiaccio e del Fuoco
  • La Leggenda di Otori
  • Le Cronache di Spiderwick
  • Le Cronache di Narnia
  • Reckless, lo specchio dei mondi
  • Septimus Heap
  • L'Alchimia di Nina
  • La Bambina della Sesta Luna
  • La trilogia di Geno
  • Morga, la Maga del Vento
  • La Ragazza Drago
  • Tiffany e i Piccoli Uomini Liberi
  • Un Cappello Pieno di Stelle
  • Il prodigioso Maurice e i suoi geniali roditori
  • Il Libro del Drago
  • Fairy Oak
  • I Misteri di Fairy Oak
  • Arthur e il popolo dei Minimei
  • Coraline
  • Il Figlio del Cimitero
  • Stardust
  • Timeline
  • La Fine del Mondo e il Paese delle Meraviglie
  • 1Q84
  • La Ragazza Fantasma
  • Io & Dewey
  • Io & Marley
  • Luisito, una storia d'amore
  • L'Arte di Correre Sotto la Pioggia
  • L'anno della lepre
  • Chocolat
  • Le Scarpe Rosse
  • Cinque Quarti d'Arancia
  • Vino, Patate e Mele Rosse
  • La Scuola dei Desideri
  • Le Parole Segrete
  • Il Seme Del Male
  • Il Ragazzo Con Gli Occhi Blu
  • Profumi, Giochi e Cuori Infranti
  • La Lettrice Bugiarda
  • La Ragazza Che Rubava Le Stelle
  • La Casa dei Mai Nati
  • La Biblioteca dei Morti
  • Il Colore del Sole
  • L'Ombra del Vento
  • Il Gioco dell'Angelo
  • Marina
  • Le Luci di Settembre
  • Il Palazzo della Mezzanotte
  • Il Prigioniero del Cielo
  • Crypto
  • Angeli e Demoni
  • Il Codice Da Vinci
  • Il Simbolo Perduto
  • Snow Flower And The Secret Fan
  • Memorie di una Geisha
  • Sašenka
  • Ai Piani Bassi
  • La Bambinaia Francese
  • Mille Splendidi Soli
  • Il Cacciatore di Aquiloni
  • Beautiful Malice
  • Le ho mai raccontato del vento del Nord
  • La Settima Onda
  • Per Non Dirle Addio
  • Ricordati di Guardare la Luna
  • Quando Ho Aperto gli Occhi
  • A Voce Alta - The Reader
  • Pastorale Americana
  • Miles Gloriosus
  • Aulularia
  • Eunuchus
  • Phormio
  • La Favola di Eros e Psiche
  • Saffo - Poesie
  • Decameron
  • Elogio della Follia
  • La Locandiera
  • L'Ingannatore di Siviglia
  • La Vita è Sogno
  • Shakespeare - Tutto il Teatro
  • Don Chisciotte della Mancia
  • Lettere a un giovane poeta
  • Il Piacere
  • Il Fuoco
  • Le Vergini delle Rocce
  • L'Innocente
  • La Lettera Scarlatta
  • Le Affinità Elettive
  • Madame Bovary
  • Educazione Sentimentale
  • La Vergine e lo Zingaro
  • Moll Flanders
  • Sherlock Holmes
  • Il Ritratto di Dorian Gray
  • Notre-Dame de Paris
  • Il Conte di Montecristo
  • I Tre Moschettieri
  • Ragione e Sentimento
  • David Copperfield
  • Il Giovane Holden
  • 1984
  • Dracula
  • Carmilla
  • M. R. James - Tutti i racconti di fantasmi
  • Lovecraft - La tomba e altri racconti dell'incubo
  • Poe - Il Corvo e tutte le poesie
  • Magick