domenica 9 maggio 2010

PostHeaderIcon Behind The Crimson Door

 

Intanto che si attende per il contest, continuo con i miei racconti-delirio ^^

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un ticchettio lontano. Penetra le barriere del suono, si ode nella solitudine. Sembra il grattare di chi è stato sepolto vivo, che da dentro la bara graffia il legno fino a farsi sanguinare le unghie, nel completo silenzio di un respiro affannoso e ritmato che si spegne con il tremore di un sussurro.

Un altro suono si sovrappone: è il delicato strillare dell’argento che s’incontra con l’oro, come di oggetti gettati via e sovrapposti alla rinfusa. Si sentono le catene di filigrana scivolare fra le fessure, stridere e fermarsi fra le ammaccature delle ricchezze che s’accumulano.

È l’addio al peccato, questo? Lì dove, in una fossa scavata nella terra fresca dopo la pioggia, vengono gettati centinaia di orologi da anime in fuga. È il tempo che scorre, quel battere costante; è la preziosità dei momenti sprecati, quell’abbandonare infernale. Ogni tanto si scorge un lucore passeggero, quasi una lacrima sulle vestigia del segnatore puntuale; oppure un bagliore improvviso fende il buio della separazione, si nasconde nei vetri che cominciano a incrinarsi e rompersi negli acuti del dolore.

Ed è quando il cielo apre per un istante le sue volte di nubi grigiastre, e lascia cadere veli di fiori incantati a ricoprire la carcassa ormai pressoché dissolta del tempo sprecato, che le figure fugaci prendono la consistenza di uomini vestiti di nero. Indossano occhiali a coprire occhi non sofferenti, ma immobili, vuoti ad assistere i boccioli pioventi trasformarsi in patine amaranto, sciolte altresì a foderare come una coperta il defunto. Da lì, si ode l’odore aspro delle colpe private, l’impossibile che sa di fredda e gelida nebbia.

Scoppia un incendio su quella piccola bara, bruciando con sé anche i pensieri più oscuri, e lambendo l’erba ai suoi bordi s’impedisce di lasciarla ardere, limita la sua stessa passione divorante che trascina nell’oblio. Mentre sembra che non ci sia più nulla da distruggere, eppure le fiamme continuano ad avvampare alte e funeste, qualcosa si alza fra le ceneri e il fumo. Piccole, dorate o venate d’azzurro, migliaia di lancette giacciono a mezz’aria circondate dal fuoco. S’innalzano, lievi, e come una colonna volano veloci verso l’alto, assorbite dalle nuvole ancora scure e ignobili che impediscono la vista di un più confortevole cielo.

Sono eleganti nei loro arabeschi sottili, sembrano organze pronte a piegarsi al minimo scontro; annerite a tratti e ferite, s’arrampicano sempre più sopra, quasi volessero raggiungere i cancelli di un paradiso perduto.

E sopra i firmamenti si combatte un’altra battaglia, dove le sopravvissute indicano col capo il delitto in atto. La luce viene spenta come la fiammella di una candela presa fra due dita, e le gocce d’acqua tiepida che l’attorniano come frammenti di specchi vengono spazzate via da un vento crudele, fra cui arrivano foglie rinsecchite e dai colori smunti, che taglienti sferzano le migliaia di dolci granelli sabbiosi dello schieramento opposto. Sono gli elementi che s’assaltano per il prevalere del tempo che, seppur trafitto dagli uomini, non smette di scorrere per vie avverse. Poiché così Estate si ritira nel cantuccio del suo letargo forzato e lascia il posto al deperito Autunno, che dopo Inverno andrà cantando, e veloce Primavera sopraggiungerà nella rinascita, poi ancora di nuovo tutti vittime di questo strano circolo vizioso.

Le lancette si allontanano, come se fossero un unico fascio di stelle, e fra loro nascono rose rosse di sangue che le imprigionano vive fra i loro soffici petali. Come un muro, una porta invalicabile, vengono chiuse in celle frementi, e possono solo osservar fuori dai piccolissimi spiragli rimasti aperti fra una rosa e l’altra. Sono l’occhio del carcerato che sbircia da dietro delle sbarre favoleggianti di profumi freschi, occhio che si socchiude e si nasconde al passare dell’ombra o al sussulto di un passo.

Vive, tremano e si distraggono in vortici confusionari, quasi in cerca di una morte che non pare sopraggiungere poiché protette dalla loro prigione cremisi. S’ubriacano del nettare che esce dai fiori, e che sgorga come liquido nero in fiotti invitanti. Le lancette zampettano fra le corolle, s’impregnano del vino di Venere che viene loro offerto come unico piacere d’amore.

Un vino che pare portato da distanze infère, mondi opposti dove diavoli vestiti di rubini regnano sotto pioggia d’onice, e offrono coppe in cristallo nero riempite di veleni oscuri. Le stesse pozioni che ora, nelle volte celesti, sono concesse ai piccoli angeli dalle ali di trasparente colore. Il fluido del peccato ha attraversato vortici d’aria e ha raggiunto luoghi a lui funesti per mietere ancora offerte maligne dall’animo ignaro.

Ogni lancetta smette d’abbeverarsi dalle rose fonte di candida morte. Ognuna giace ancora una volta ferma e immobile, mentre ciascun fiore scompare, dissolto in briciole di passato. Le lancette cadono, tutte insieme, risucchiate verso la realtà con la forza di un’onda che trascina a riva. C’è solo un tintinnare di sottofondo che viene subito zittito dalla calma della loro rinnovata tomba, bara dove ancora sembrano riposare gli orologi bruciati e arsi in cumuli neri.

I cinque uomini sono rimasti tutto il tempo attorno al giaciglio ultimo, le mani incrociate in grembo, in un’attesa glaciale. Ora, da sotto gli occhiali, due linee di gocce cremisi colano a rigare il volto di ognuno. Dopo, come le punte di un pentacolo, cadono all’indietro sull’erba ormai asciutta.Pearls_of_Rain_by_methylated_spirit

I fili si riscuotono ad accogliere i loro pesi, e impregnati dell’odore acre di un ardore passato, brillano un poco sotto un sole rosso sangue. Le nuvole sono improvvisamente scomparse, e il disco pare oscuro, con una macchiolina nera vicina all’estremità destra. È piccola, dai contorni netti. Sembra una serratura…

 

 

84722345bb0

1 commenti:

Carmen ha detto...

Bello bello bello bello. Un solo appunto: ci sono troppi concetti astratti, a volte non molto collegati, per esempio fascio di stelle-muro invalicabile. Lo stile, anche se molto elegante, è pienotto, quindi ostacola la visualizzazione completa della trama, che fa perdere di vista il vero tema del racconto. Mi ricorda tanto il mio modo di scrivere... ;)
Bye Fra!

Posta un commento

Lettori fissi

Sto leggendo...

Più riguardo a La diciassettesima luna

La mia Libreria

  • Cronache del Mondo Emerso
  • Le Guerre del Mondo Emerso
  • Leggende del Mondo Emerso
  • Le Creature del Mondo Emerso
  • Guerre del Mondo Emerso - Guerrieri e Creature
  • Wojny Świata Wynurzonego - Sekta Zabójców
  • I Regni di Nashira
  • Favole degli Dei
  • High Voltage Tattoo
  • The Tattoo Chronicles
  • Encyclopedia Gothica
  • White: A Decade
  • Arlene's Heart
  • Favole
  • Misty Circus
  • Graceling
  • Fire
  • Fallen
  • Torment
  • Passion
  • Rapture
  • Fallen in Love
  • Il Bacio dell'Angelo Caduto
  • My Land
  • La Sedicesima Luna
  • La Diciassettesima Luna
  • La Corsa delle Onde
  • I Lupi di Mercy Falls
  • La Saga del Lupo
  • Esbat
  • La Profezia delle Inseparabili
  • Black Friars
  • Il Sangue di Faun
  • Gli Eroi del Crepuscolo
  • La Strada che Scende nell'Ombra
  • La Leggenda di Earthsea
  • La trilogia di Sevenwaters
  • Il Ciclo dell'Eredità
  • Harry Potter
  • Queste Oscure Materie
  • Alice nel Paese della Vaporità
  • Il Signore degli Anelli
  • Il Silenzio di Lenth
  • Il Risveglio delle Tenebre
  • La Guerra Degli Elfi
  • Artemis Fowl
  • I Guardiani della Notte
  • La Scacchiera Nera
  • L'Ombra Del Guerriero
  • Il Ciclo di Shannara
  • Cronache del Ghiaccio e del Fuoco
  • La Leggenda di Otori
  • Le Cronache di Spiderwick
  • Le Cronache di Narnia
  • Reckless, lo specchio dei mondi
  • Septimus Heap
  • L'Alchimia di Nina
  • La Bambina della Sesta Luna
  • La trilogia di Geno
  • Morga, la Maga del Vento
  • La Ragazza Drago
  • Tiffany e i Piccoli Uomini Liberi
  • Un Cappello Pieno di Stelle
  • Il prodigioso Maurice e i suoi geniali roditori
  • Il Libro del Drago
  • Fairy Oak
  • I Misteri di Fairy Oak
  • Arthur e il popolo dei Minimei
  • Coraline
  • Il Figlio del Cimitero
  • Stardust
  • Timeline
  • La Fine del Mondo e il Paese delle Meraviglie
  • 1Q84
  • La Ragazza Fantasma
  • Io & Dewey
  • Io & Marley
  • Luisito, una storia d'amore
  • L'Arte di Correre Sotto la Pioggia
  • L'anno della lepre
  • Chocolat
  • Le Scarpe Rosse
  • Cinque Quarti d'Arancia
  • Vino, Patate e Mele Rosse
  • La Scuola dei Desideri
  • Le Parole Segrete
  • Il Seme Del Male
  • Il Ragazzo Con Gli Occhi Blu
  • Profumi, Giochi e Cuori Infranti
  • La Lettrice Bugiarda
  • La Ragazza Che Rubava Le Stelle
  • La Casa dei Mai Nati
  • La Biblioteca dei Morti
  • Il Colore del Sole
  • L'Ombra del Vento
  • Il Gioco dell'Angelo
  • Marina
  • Le Luci di Settembre
  • Il Palazzo della Mezzanotte
  • Il Prigioniero del Cielo
  • Crypto
  • Angeli e Demoni
  • Il Codice Da Vinci
  • Il Simbolo Perduto
  • Snow Flower And The Secret Fan
  • Memorie di una Geisha
  • Sašenka
  • Ai Piani Bassi
  • La Bambinaia Francese
  • Mille Splendidi Soli
  • Il Cacciatore di Aquiloni
  • Beautiful Malice
  • Le ho mai raccontato del vento del Nord
  • La Settima Onda
  • Per Non Dirle Addio
  • Ricordati di Guardare la Luna
  • Quando Ho Aperto gli Occhi
  • A Voce Alta - The Reader
  • Pastorale Americana
  • Miles Gloriosus
  • Aulularia
  • Eunuchus
  • Phormio
  • La Favola di Eros e Psiche
  • Saffo - Poesie
  • Decameron
  • Elogio della Follia
  • La Locandiera
  • L'Ingannatore di Siviglia
  • La Vita è Sogno
  • Shakespeare - Tutto il Teatro
  • Don Chisciotte della Mancia
  • Lettere a un giovane poeta
  • Il Piacere
  • Il Fuoco
  • Le Vergini delle Rocce
  • L'Innocente
  • La Lettera Scarlatta
  • Le Affinità Elettive
  • Madame Bovary
  • Educazione Sentimentale
  • La Vergine e lo Zingaro
  • Moll Flanders
  • Sherlock Holmes
  • Il Ritratto di Dorian Gray
  • Notre-Dame de Paris
  • Il Conte di Montecristo
  • I Tre Moschettieri
  • Ragione e Sentimento
  • David Copperfield
  • Il Giovane Holden
  • 1984
  • Dracula
  • Carmilla
  • M. R. James - Tutti i racconti di fantasmi
  • Lovecraft - La tomba e altri racconti dell'incubo
  • Poe - Il Corvo e tutte le poesie
  • Magick